WordPress Le Basi

2. Installare WordPress in locale – Perché

Scritto da Alberto Reineri il 08 Marzo 2020

Installare WordPress in locale è la pratica migliore, soprattutto se si è agli inizi.

Molte guide o tutorial mostrano come installare WordPress direttamente online. Queste guide spesso utilizzando i servizi che le aziende di hosting mettono a disposizione per installare il CMS automaticamente.

Sebbene questa pratica sia molto semplice e veloce, non è la più raccomandabile, soprattutto se siete o volete diventare sviluppatori e quindi andare a personalizzare il codice del vostro sito.

Quando ci si approccia ad un nuovo progetto per prima cosa si configura un server locale sul proprio computer. In questo modo si può iniziare a scrivere il codice per il sito tranquillamente senza paura di eventuali bug o crash (che ci saranno sicuramente).

Perciò ogni sito come si deve sarà sviluppato prima in locale e, una volta terminato e debuggato a dovere, potrà essere portato online e reso disponibile al mondo intero!

Questo è molto importante non solo all’inizio, durante la creazione del sito, ma anche successivamente nell’integrazione di funzionalità o correzioni. Effettuare una modifica direttamente online è molto molto rischioso e assai poco raccomandabile!

Andando avanti con l’esperienza potrai sicuramente permetterti di fare dei lavori direttamente online, ma finché sei alle prime armi è sempre meglio agire prima in locale. Spesso basta un trattino di troppo e rischia di saltare tutto.

Installare WordPress in locale è una buona pratica e ti permette anche di gestire le modifiche con meno stress. Non deve funzionare tutto al primo colpo, puoi prenderti il tempo per sbagliare, capire l’errore e correggerlo. Questa pratica ti permetterà di migliorarti come sviluppatore e acquisire sempre maggiori skill in ambito web development.